Mostre

ARGENTI PREZIOSI. OPERE DEGLI ARGENTIERI PIEMONTESI NELLE COLLEZIONI DI PALAZZO MADAMA

Torino (TO) 02-07-2020 / 15-11-2020

Nell’ambito del progetto della Regione Piemonte “L’essenziale è Barocco”, dal 2 luglio al 15 novembre 2020 Palazzo Madama presenta la mostra “Argenti preziosi”, una selezione di lavori d’argento che traccia la storia dell’argenteria in Piemonte dal primo Settecento alla fine dell’Ottocento.

Il percorso inizia con l’illustrazione delle tecniche di lavorazione e dei sistemi di controllo, fissati dalla corte sabauda per il valore e la qualità dei manufatti. La normativa piemontese più antica risale al 1476, ma si deve a Maria Giovanna Battista di Savoia Nemours l’editto del 1677 che regolamenta l’attività dell’Università degli Orafi e Argentieri della città di Torino e istituisce la figura dell’assaggiatore di stato.

I lavori esposti offrono una panoramica sull’argenteria da tavola con posate, zuppiere, caffettiere, teiere, cioccolatiere e alcune delle espressioni più tipiche dell’argenteria piemontese come le paiole, le tazze da puerpera, e la zuccheriera, legata al consumo del caffè; seguono gli oggetti da arredo, come i candelieri, e quelli destinati al culto, ad esempio un reliquiario di San Maurizio (1740 circa), un calice (1789) di Giovanni Battista Boucheron, alcuni argenti ebraici; accanto a loro i grandiosi disegni di Giovanni Battista Boucheron per centrotavola, lampade pensili, brocche e candelieri che trasferiscono sulla carta l’effetto raffinato delle oreficerie.

La vetrina centrale è dedicata a un’opera restaurata ed esposta al pubblico per la prima volta: la mazza cerimoniale della Città di Torino, realizzata in argento sbalzato e cesellato tra il 1814 e il 1824.

Ci sono poi le armi con decorazioni in argento - fucili da caccia con scene venatorie e una carabina della Guardia Nazionale (1857) -, una serie di monete - i primi oggetti realizzati in argento -, un nucleo di “dorini” della seconda metà dell’Ottocento - ornamenti da acconciatura e spilloni in argento lavorato a filigrana, tipico vezzo delle donne piemontesi che venivano appuntati sulle trecce e tra i capelli nelle occasioni festive - e una selezione di bastoni da passeggio con il pomo d’argento, segno distintivo di particolare lusso ed eleganza.

Periodo

Giovedì 2 Luglio 2020 / Domenica 15 Novembre 2020

Orari

Lunedì:
Chiuso
Martedì:
Chiuso
Mercoledì:
Chiuso
Giovedì:
13:00-20:00
Venerdì:
13:00-20:00
Sabato:
10:00-19:00
Domenica:
10:00-19:00

Prezzo

Intero: € 10
Ridotto: € 8
Gratuito: minori 18 anni, Abbonamento Musei Torino, Torino + Piemonte card

Ti può interessare anche