Mostre

NOTTI MAGICHE. ARTE ITALIANA ANNI NOVANTA DALLA COLLEZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO

Torino (TO) 06-06-2019 / 29-09-2019
Immagine guida - Notti Magiche

Notti magiche propone una ricognizione dei temi e dei linguaggi dell’arte italiana anni ’90, attraverso le scelte della Collezione della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

Una selezione di opere di artisti italiani ci riporta all’atmosfera dell’ultimo decennio del millennio, snodo fondamentale tra il vecchio secolo e l’inizio del nuovo.

Un alto carico di nostalgia si solleva al pensiero delle Notti magiche. Italia ’90: il nuovo decennio inizia con il campionato mondiale di calcio. Si canta sulle note di Un’estate italiana di Edoardo Bennato e Gianna Nannini. Si canta di regole del gioco, di avventure e di goal (quelli “azzurri” di Totò Schillaci). L’inno cambia titolo e diventa per tutti Notti magiche. . La nazionale arriva terza e a sollevare la coppa è la Germania dell’Ovest. Pochi mesi dopo, il 3 ottobre, grazie alla storica unificazione con la DDR, diventerà semplicemente Germania. Si apre qui un decennio che, tra alti e bassi, si chiuderà simbolicamente con il crollo delle Twin Towers.

La narrativa di Notti magiche comincia da un’installazione di Eva Marisaldi e da un video di Grazia Toderi. Terra e cielo. I sussurri confidenti di un gruppo di amiche e il suono ovattato della cabina di un aeroplano. In Minima Arteria (1995), Marisaldi traccia a pavimento una strada che pare un fiume.

La mostra parla di vuoti e di pieni, di leggerezza e di peso, di spazi e di luoghi: quelli astratti, immaginati, ordinati e quelli disordinati dalla soggettività, dalle relazioni, dall’identità, come appare nelle varianti sul tema dell’identico nelle ragazze degli Untitled (1996) di Vanessa Beecroft o nelle figure emaciate della pittura di Margherita Manzelli.

Tematica cardine nelle ricerche del decennio, la relazione tra identità-estraneità emerge nello schieramento delle squadre “bianco-nere” di Cesena 47-AC (1991) di Maurizio Cattelan e ai 100 Cinesi (1998) di Paola Pivi.

Periodo

Giovedì 6 Giugno 2019 / Domenica 29 Settembre 2019
Aperto: Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica

Orari

Lunedì:
Chiuso
Martedì:
Chiuso
Mercoledì:
Chiuso
Giovedì:
20:00-23:00
Venerdì:
12:00-19:00
Sabato:
12:00-19:00
Domenica:
12:00-19:00

Prezzo

€ 0,00 Gratuito minore 12 anni; possessori di Abbonamento Musei; possessori Torino+Piemonte Card; possessori Torino+Piemonte Contemporary Card
€ 7,00 Intero
€ 5,00 Ridotto maggiore 65 anni

Ti può interessare anche