Mostre

WORLD PRESS PHOTO EXHIBITION 2020

Torino (TO) 10-10-2020 / 17-01-2021
World Press Photo

Dal 10 ottobre 2020 al 18 gennaio 2021, Palazzo Madama di Torino ospita la prima tappa italiana della World Press Photo Exhibition, la più importante mostra internazionale di fotogiornalismo al mondo presente in oltre 110 città dei 5 continenti, che vede ogni anno la partecipazione di professionisti che collaborano con le più importanti testate giornalistiche: il concorso nasce ad Amsterdam nel 1955 per tutelare la libertà di informazione, inchiesta e espressione come diritti inalienabili e promuovere il foto-giornalismo di qualità.

La giuria internazionale ha esaminato nel 2020 i lavori di 4.282 fotografi provenienti da 125 Paesi, per un totale di 73.996 immagini; in finale sono arrivati 44 professionisti, tra cui sei italiani: Alessio Mamo, Daniele Volpe, Lorenzo Tugnoli, Luca Locatelli, Fabio Bucciarelli, Nicolò Filippo Rosso. Il giapponese Yasuyoshi Chiba dell’Agence France-Presse ha vinto il World Press Photo of The Year con “Straight Voice”: lo scatto cristallizza, con intensa forza emotiva, l’immagine di un ragazzo illuminato dalle luci dei telefoni cellulari che, durante una manifestazione in Sudan, incredibilmente recita ad alta voce una poesia di fronte a una folla entusiasta e plaudente. Il francese Romain Laurendeau ha vinto invece il World Press Photo Story of the Year con un lavoro sulla gioventù algerina e il suo disagio.

Tra gli italiani sul podio anche Fabio Bucciarelli, torinese classe 1980, secondo premio nella sezione “Categoria general news, storie” con un servizio realizzato per L’Espresso sulle proteste in Cile, iniziate a ottobre 2019 dopo l’approvazione di una legge sull’aumento del prezzo del biglietto della metropolitana della capitale e proseguite per denunciare soprattutto le forti disuguaglianze economiche e sociali del paese.

Periodo

Sabato 10 Ottobre 2020 / Domenica 17 Gennaio 2021
Aperto: Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica

Orari

Lunedì:
Chiuso
Martedì:
Chiuso
Mercoledì:
Chiuso
Giovedì:
12:00-19:00
Venerdì:
12:00-19:00
Sabato:
10:00-19:00
Domenica:
10:00-19:00

Prezzo

€ 12,00 Intero
€ 10,00 Ridotto
€ 0,00 Gratuito disabili; minore 18 anni; possessori di Abbonamento Musei; possessori Torino+Piemonte Card
€ 4,00

Ti può interessare anche

informazioni correlate

Dal 10 ottobre 2020 al 18 gennaio 2021, Palazzo Madama di Torino ospita la prima tappa italiana della World Press Photo Exhibition, la più importante mostra internazionale di fotogiornalismo al mondo presente in oltre 110 città dei 5 continenti, che vede ogni anno la partecipazione di professionisti che collaborano con le più importanti testate giornalistiche: il concorso nasce ad Amsterdam nel 1955 per tutelare la libertà di informazione, inchiesta e espressione come diritti inalienabili e promuovere il foto-giornalismo di qualità.

La giuria internazionale ha esaminato nel 2020 i lavori di 4.282 fotografi provenienti da 125 Paesi, per un totale di 73.996 immagini; in finale sono arrivati 44 professionisti, tra cui sei italiani: Alessio Mamo, Daniele Volpe, Lorenzo Tugnoli, Luca Locatelli, Fabio Bucciarelli, Nicolò Filippo Rosso. Il giapponese Yasuyoshi Chiba dell’Agence France-Presse ha vinto il World Press Photo of The Year con “Straight Voice”: lo scatto cristallizza, con intensa forza emotiva, l’immagine di un ragazzo illuminato dalle luci dei telefoni cellulari che, durante una manifestazione in Sudan, incredibilmente recita ad alta voce una poesia di fronte a una folla entusiasta e plaudente. Il francese Romain Laurendeau ha vinto invece il World Press Photo Story of the Year con un lavoro sulla gioventù algerina e il suo disagio.

Tra gli italiani sul podio anche Fabio Bucciarelli, torinese classe 1980, secondo premio nella sezione “Categoria general news, storie” con un servizio realizzato per L’Espresso sulle proteste in Cile, iniziate a ottobre 2019 dopo l’approvazione di una legge sull’aumento del prezzo del biglietto della metropolitana della capitale e proseguite per denunciare soprattutto le forti disuguaglianze economiche e sociali del paese.